• Dummy text

    Pellentesque habitant morbi tristique senectus et netus et malesuada fames ac turpis egestas. Vestibulum tortor quam, feugiat vitae, ultricies ege. Aenean ultricies mi vitae est. Mauris placerat eleifend leo.

    Pellentesque habitant morbi tristique senectus et netus et malesuada.

  • Dummy text

    Pellentesque habitant morbi tristique senectus et netus et malesuada fames ac turpis egestas. Vestibulum tortor quam, feugiat vitae, ultricies ege. Aenean ultricies mi vitae est. Mauris placerat eleifend leo.

    Pellentesque habitant morbi tristique senectus et netus et malesuada.

  • Dummy text

    Pellentesque habitant morbi tristique senectus et netus et malesuada fames ac turpis egestas. Vestibulum tortor quam, feugiat vitae, ultricies ege. Aenean ultricies mi vitae est. Mauris placerat eleifend leo.

    Pellentesque habitant morbi tristique senectus et netus et malesuada.

    







    
  • CASTEL SAN NICCOLO

*un omaggio per chi prenota online

CASTEL SAN NICCOLÒ

Il mio itinerario proseguo verso Stia. Sulla destra mi da il benvenuto il torrente Staggia, oltrepasso il ponte e inizio la visita lungo la caratteristica via centrale fiancheggiata da portici. Mi colpisce una foto raffigurante un fabbro e un’incudine, è il manifesto che promuove la Biennale Europea d’Arte Febbrile; vengo così a sapere che il paese è famoso per la lavorazione artigianale del ferro battuto. Un giovane poi mi dice che nella piazza è stato girato il film “Il ciclone” di Leonardo Pieraccioni. Le vetrine delle botteghe sono colorate di verde e arancione, i colori brillanti dal “panno del casentino”, un tessuto di lana che gli artigiani del luogo producono da più di cinque secoli e i Medici ne furono i primi grandi estimatori. Uno sguardo alla pieve di S. Maria Assunta, ai suoi capitelli e alle opere d’ arte che la arricchiscono.

l borgo di Castel San Niccolò mostra ancora oggi i tratti tipici delle sue costruzioni originarie d'epoca medievale, tra le quali spicca il castello costruito nel XIII dai Conti Guidi e che successivamente divenne sede dei Podestà inviati dalla Repubblica di Firenze.
Esso è costituito da un'imponente mastio, munito di una torre d'avvistamento e decorato con due finestre di bifore e un bel portale in stile gotico. Proseguono ancora fino a raggiungere il castello di Porciano, luogo di memorie dantesche, ultimo baluardo dei conti Guidi che guarda lontano, quasi a cercare lo sguardo del suo gemello, il castello di Romena
 
Guarda le immagini del luogo in cui vi ospitiamo - www.ilbelcasentino.it

Testi forniti da Casentino Sviluppo e Turismo